Antonio Catalano un Architetto che spazia dai cantieri alle fabbriche

Scheda Anagrafica

Antonio Catalano

Studio di progettazione e consulenza Architetto Antonio Catalano –

www.antoniocatalanoarchitetto.it

Ruolo in azienda: Titolare

Cosa vendi? Da quando?

Progettazione e consulenza a 360 gradi. Includendo anche la parte relativa alla sicurezza sul lavoro, cominciata con quella sui cantieri mobili e temporanei inerente, per ovvi motivi, alla cantieristica edile. In seguito ho iniziato ad occuparmi di sicurezza aziendale, diventando RSPP di alcune industrie operanti nel settore automobilistico e da lì è nato anche l’interesse per la parte relativa alla certificazione macchine.

Esperienza un po’ strana e atipica per un Architetto: progetto case, piani urbanistici ma mi occupo anche di certificazione macchine.

E questo da circa 30 anni.

Perché fai questo lavoro? Ti piace quello che fai?

Questo lavoro e i settori d’interesse che mi consente di abbracciare, rispecchiano il mio carattere eclettico. Mi piace informarmi, conoscere ed essere edotto in tutto quello che mi incuriosisce. Dalle costruzioni, alle auto, al design, agli aerei.

Cosa ne pensi della Certificazione CE?

Che sia un‘ottima normativa per garantire un prodotto sicuro e affidabile. All‘interno della Comunità Europea ha avuto una doppia funzione: da un punto di vista economico, limitare e condizionare l‘import di macchinari extraeuropei;  da un punto di vista pratico, innalzare il livello qualitativo delle macchine con una positiva ricaduta sulla nostra industria visto che il settore della meccanica italiana è tra le migliori al mondo.

Se dovessi definire con poche parole la normativa inerente il marchio CE cosa diresti, che cosa è?

È una normativa che regolamenta la progettazione e la costruzione di macchine e attrezzature per l‘industria ai fini della sicurezza.

Come hai conosciuto Claudio?

Avendo cominciato ad occuparmi di direttiva macchine, mi sono imbattuto sul sito internet di Claudio e Renato.

Quindi l‘ho contattato per sapere se organizzava, o avrebbe organizzato, corsi di formazione in merito.

Alla prima occasione mi sono iscritto e ho passato tre giorni a Milano che ancora ricordo con piacere. Da allora non ci siamo più persi di vista, anche perché Claudio abbina la competenza a grandi doti umane.

Cosa faresti a Claudio se vi trovaste da soli e senza testimoni?

Lo costringerei a svelarmi il segreto di questo suo “entusiasmo contagioso” con una macchina della verità.

Quanto è importante per te la direttiva macchine?

Interessantissima e fondamentale, anche dal punto di vista dell‘applicazione concettuale.

Tra l’altro la direttiva apre le porte ad un mercato dalle potenzialità notevoli per i tecnici che se ne occupano.

Nella mia zona purtroppo la cultura industriale non è sviluppata come al nord. Molte persone non sanno neanche cosa tratta la direttiva macchine. C‘è quindi ancora molto da fare.

Quali libri di Claudio hai letto?

Tutti.

Quali argomenti vorresti vedere scritti in un libro di Claudio, cosa ti piacerebbe leggere?

Ho visto tempo fa un video interessantissimo che descriveva la parte elettrica delle macchine. Mi piacerebbe, io che non sono ingegnere meccanico, se parlasse della macchina specifica e del suo funzionamento di base.

Quali argomenti vorresti vedere nei video di Claudio?

Li trovo tutti molto interessanti, abbracciano svariati argomenti. Ho trovato molto utile quello sull‘equipaggiamento elettrico cui accennavo prima. Mi piacerebbe vedere qualcosa anche sulla parte inerente l’impianto oleo-pneumatico.

Quale argomento della marcatura CE per te è più noioso?

Non esiste un aspetto noioso. La marcatura CE riguarda tutto ciò che è utile per la costruzione di una macchina sicura: i ripari, gli accessi in quota, ecc…. Non c’è niente che non sia interessante.

Claudio sotto quali aspetti ti ha aiutato a capire meglio tutto il mondo della CE?

Mi ha reso più organiche le conoscenze che avevo.

Cosa pensi di questa sua divulgazione?

È un modo di fare divulgazione in modo divertente, partendo spesso da situazioni vissute sul campo ed in cui mi ritrovo perfettamente. Impari qualcosa e ti fai anche una risata.

 

 

 

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *