RSPP non fa Valutazione Rischio Attrezzature di Lavoro

Oggi sono insieme all’avvocato Francesco Piccaglia De Eccher per discutere del rapporto tra l’RSPP e la valutazione del rischio delle attrezzature da lavoro.

L’RSPP molto spesso non cura troppo l’aspetto della valutazione del rischio delle macchine, troviamo in molte aziende situazioni dove in generale le responsabilità vengono messe in secondo piano. Il ruolo di questa figura però è estremamente importante: Dovrebbe preoccuparsi di avvisare il datore di lavoro in caso di pericolo, o di possibili problemi nell’azienda.

Non sempre è così, e nel caso di infortunio, la responsabilità ricade anche sull’RSPP.

Qual è il rischio? L’infortunio dal punto di vista legale può vedere una responsabilità dell’RSPP ovvero la “colpa professionale”.

In questo caso, la responsabilità è legata alla poca professionalità e alla preparazione del responsabile.

Fino a poco tempo fa su questa figura non si aveva ben chiaro quale fosse il reale grado di “colpa” per eventuali infortuni, anzi si pensava che non potessero rispondere in caso di colpa specifica.

Oggi sappiamo che non è così, esistono molti casi dove l’RSPP si è visto attribuire questa responsabilità.

Se il datore è palesemente a conoscenza di un problema nel suo impianto, l’RSPP deve avvertirlo e annotare il rischio o no?

Assolutamente si, anche se dovesse conoscerlo, bisogna sempre formalizzare all’interno dell’elenco dei rischi qualsiasi possibile adeguamento necessario.

 

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *