Come accedere correttamente ad un carroponte

Dopo aver realizzato una playlist su YouTube che trattava il controllo delle funi di un carroponte, sulla quale trovate un articolo, io e mio padre Renato Delaini abbiamo deciso di realizzarne una riguardante le corrette vie d’accesso ai carriponte, trattando anche le cattive abitudini da evitare.

ACCEDERE ALLA PASSERELLA DI UN CARROPONTE

Le passerelle dei carriponte si trovano a molti metri d’altezza, anche 5 o 6 metri.
Sulla passerella sono presenti delle cose per cui è necessario fare manutenzione, ad esempio il quadro elettrico, l’avvolgitore e i motori.
Il manutentore, quando deve aggiustare il carroponte e salire sulla passerella, non sa come salire a 6 metri d’altezza o come portare su gli attrezzi.
Spesso quando si compra un carroponte non si fa caso a queste cose, che invece sono fondamentali.

Una cattiva abitudine che spesso vediamo è quella di usare una PLE non abilitata alla discesa dell’operatore, scavalcando senza DPI e senza nessun dispositivo anti caduta.
Quando comprate un carroponte pensate a come fare per salire sulla passerella, ponete la domanda al costruttore che lui sa la risposta.

MODI SBAGLIATI PER ACCEDERE ALLA PASSERELLA

Tutti hanno un carroponte.
Molti carriponte hanno sopra una passerella, magari a 6 metri di altezza, su cui bisogna fare manutenzione.
Spesso però il carroponte è stato comprato male e installato peggio, risultando irraggiungibile in modo sicuro.

La cattiva abitudine per raggiungere la passerella consiste nel salire con una PLE con il divieto di discesa, avvicinandosi al carroponte e magari attaccandosi al parapetto.
Non bisogna assolutamente farlo, non devi affidare la tua vita al parapetto del carroponte, non è detto che tenga.
Il DPI anti caduta deve essere attaccato a qualcosa che sia sicuro, che a sua volta deve essere attaccato alla parete o a qualcosa di strutturale, altrimenti non è certificabile.
Ci sono 2 norme da seguire in questo caso: la norma 795 e la 353.

Molti dicono “non mi è mai capitato”, ma non ha senso dirlo per giustificarsi.
Un esempio da fare in questo caso sono i numeri al lotto.
Se vai dal tabacchino che numeri vengono mostrati come consigliati? Quelli che non sono mai usciti.
Perchè meno è capitato, più è probabile che capiti. 

VIE D’ACCESSO AL CARROPONTE

Quando si ha un carroponte, di quelli con la passerella a 6 metri d’altezza, può capitare di doverci salire per fare manutenzione.
Purtroppo molto spesso il carroponte non è pensato per salirci sopra.
Questo capita quando il costruttore scarica al colpa sull’utilizzatore, scrivendo sul Manuale che dovrà essere il committente a pensare alla realizzazione delle vie d’accesso. 

In questo caso la norma da seguire è la 13586:2008, la quale parla solo delle vie d’accesso al carroponte.
Non posso dirvi cosa c’è scritto nella norma, in quel caso dovreste comprarla, ma posso dirvi come pensare per salire sula passerella.
È fondamentale valutare il rischio che si genera.
Il rischio dipende dalla gravità, dalla probabilità, dall’evitabilità e dalla frequenza. 

Ci sono 2 tipi di frequenza:
  • Tipo 1: la manutenzione è molto frequente, viene fatta più di una volta al mese.
  • Tipo 2: la manutenzione è poco frequente, viene fatta meno di una volta al mese.

Se la frequenza è di tipo 1 le cose devono essere fatte in un certo modo: deve esserci la scala fissa, la botola e il portello, tutto deve essere fisso.
Il manutentore deve essere in grado di poter salire senza l’utilizzo di DPI, poiché sale in sicurezza.
In questo caso il carroponte va portato nel punto sicuro per fare manutenzione e bloccato con un lucchetto secondo la procedura LOTO.
Deve anche essere presente un interblocco sulla botola, così che confermi che sia tutto fermo per poter accedere in sicurezza.
La botola non può rimanere aperta, deve essere sempre richiusa, se no può capitare di scivolare giù.

Se invece la frequenza è di tipo 2, cioè la manutenzione non viene fatta molto frequentemente, bisogna salire sulla passerella utilizzando dei DPI anti caduta.
In questa tipologia rientra anche il caso in cui il carroponte si rompa a metà, non vicino al punto sicuro, e non sia possibile riportarlo in posizione di sicurezza.
Per salire bisogna avere qualcosa da attaccare ad un punto solido e certificato, qualcosa di strutturale, ad esempio una linea vita. 

Purtroppo queste procedure non sempre vengono rispettate, e spesso per salire su un carroponte viene usata una PLE in cui è vietata la discesa, correndo grandissimi rischi. 

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *