Fascicolo Tecnico: cosa contiene?

fascicolo-tecnico.png

Per semplicità facciamo rifermento alla Direttiva macchine:

questo va bene, perché le Direttive europee sono costruite tutte secondo una stessa logica definita e omogenea

il fascicolo tecnico si compone di:

Dati fabbricante

Dati identificativi del prodotto (modello – serie – n. di fabbrica e così via)

Definizione dei limiti del prodotto:

Bisogna definire con attenzione dove, come il prodotto può essere usato e da chi.

Per capirsi meglio bisogna porsi le seguenti domande:

chi può usare il prodotto? un artigiano, una casalinga o si usa solo a livello industriale

dove lo si può comprare? in supermercato, da rivenditori professionali o lo si consegna direttamente al cliente

dove lo si può usare? in casa, in capannone, luoghi pubblici ecc.

come si trasporta, come si installa?

per quanto è previsto il suo ciclo di vita?

Quali accorgimenti e istruzioni per la manutenzione ed i ricambi?

come lo si deve smaltire?

e cosi via.

Meglio si risponde a queste domande, meglio si fa la valutazione del rischio e ci si protegge da usi impropri (usi scorretti ragionevolmente prevedibili).

Descrizione del prodotto

Disegni, schemi elettrici, foto e/o tutto ciò che può definire esattamente il prodotto e le sue parti ed i suoi dispositivi e sistemi di comando;

Questa parte serve a difendersi da possibili modifiche apportate dall’utilizzatore, per sua malintesa comodità, peggio se rimuovendo o modificando i comandi e le sicurezze, , insomma per definire esattamente le proprie responsabilità.

Test Report

Necessari per i rischi che rimangono occulti se non si ha l’evidenza oggettiva che sono stati eliminati (ad esempio test elettrici, o di limitazione di carico, o di campi elettromagnetici, o di rumore).

Questo serve di più per i prodotti importati.

Quando si  importa un prodotto da extra UE ci si prende tutte le responsabilità come se si fosse il fabbricante. Bisogna quindi richiedere i test report che dimostrino l’adempimento da parte del produttore di tutta la normativa vigente sul prodotto.

Dichiarazione di Conformità

Noi la inseriamo all’interno del manuale di istruzioni  e nel fascicolo tecnico. Può essere anche un documento separato.

Marcatura CE

Inseriamo il testo con i pittogrammi all’interno del fascicolo tecnico per comodità e per evitare future sostituzioni da parte di altri nella filiera.

Valutazione del rischio

Molti prodotti marcati richiedono la valutazione del rischio secondo norme tecniche specifiche (Norme armonizzate che hanno la presunzione di conformità).

Il Fascicolo Tecnico deve essere strutturato secondo le esigenze del Fabbricante, in funzione della tipologia di macchina, delle procedure interne di archiviazione dei documenti, della tipologia di costruzione (serie o esemplare unico), ecc. Il Fascicolo Tecnico deve essere conservato da chiunque immetta la macchina sul mercato comunitario, indipendentemente dalla provenienza della macchina stessa, ovvero da chi si assume la responsabilità civile e legale delle conseguenze legate all’uso della macchina all’interno della Comunità.

La disponibilità deve essere garantita per almeno 10 anni a decorrere dalla data di immissione sul mercato della macchina o dell’ultimo esemplare di macchina se si tratta di una fabbricazione in serie.

Inoltre il Fascicolo Tecnico deve contenere un esemplare del Manuale delle Istruzioni per l’Uso della macchina, possibilmente nella stessa redazione (lingua, impaginazione, ecc.) consegnata fisicamente all’utilizzatore poiché è assai importante documentare “come” l’operatore è stato informato in merito all’uso della macchina.

Questo assieme eventualmente alla registrazione della formazione erogata per gli operatori dell’utilizzatore, quando lo si ritiene fondamentale per un uso sicuro.

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *