Vecchie macchine in funzione, senza documentazione!

Recentemente sono stato in una fabbrica – che lavora con lo zinco – che mi ha chiesto di svolgere la manutenzione di tutti i ventilatori presenti.

Si trattava di una ventina di ventilatori in totale, quindi un bel lavoro insomma!

Inizio a fare un check dei vari ventilatori e scopro che tutti e 20 erano sprovvisti di targhe identificative ed erano senza una marcatura CE, ovviamente!

Probabilmente perché allegati alla marcatura di un’altra macchina.

Ma non lo sapevano neanche loro. Erano sprovvisti anche delle carte, del manuale d’istruzioni e via dicendo. Una delle ipotesi plausibili è che li abbiano comprati usati da qualche parte.

Fatta questa premessa, il problema che mi si pone davanti è se è possibile operare una manutenzione a delle macchine con delle simili condizioni.

Beh, innanzitutto la responsabilità è sempre del datore di lavoro, non tua che fai la manutenzione. Se tu le metti a posto deve firmare sempre lui, tu non devi firmare nulla. Dipende però anche da cosa intendi per “mettere a posto”.

Poniamo che tu abbia una macchina operante in fabbrica. Quella macchina dev’essere messa in sicurezza in modo che non possa fare del male a nessuno. Ci dev’essere quindi la documentazione che testimonia questa cosa, che nel tuo caso manca. E soprattutto una certificazione CE o una dichiarazione di rispondenza all’allegato 5. Se il macchinario è antecedente al 1996 dev’esserci la dichiarazione di rispondenza mentre, dopo il 96 dev’esserci la certificazione CE.

Ogni tanto capita che il ventilatore venga costruito o dal carpentiere di paese, oppure che venga acquistato usato.

Quindi le carte possono andare perse nei vari passaggi di proprietà e in tutto ciò il macchinario potrebbe anche essere montato male.

In tutti questi casi l’utilizzatore ha la responsabilità totale. Hanno la responsabilità totale l’imprenditore o il datore di lavoro che usano la macchina.

Se fai la manutenzione a una macchina, non facendo alcun tipo di modifica alla macchina stessa, non dovresti avere alcun problema né responsabilità a tuo carico.

Basterebbe che il consulente di zona avvertisse di tutto ciò. Il problema è che i consulenti si trovano a dover gestire una valanga d’informazioni. È impossibile saper fare tutto.

Ad ognuno sfugge qualcosa.

Io, ad esempio, non so fare l’anti-incendio.

Ma controllare i macchinari sì 😛

Alla prossima, Ing. Claudio Delaini e Ing. Diego Perfettibile

Guarda il video:

Commenta:

commenti