Cosa fare quando il cliente chiede di togliere protezioni sul macchinario

no-protezioni.jpg

Può capitare che un cliente voglia comprare un macchinario con meno protezioni. Il costruttore pur di vendere una macchina in più vuole e deve trovare un compromesso tra le regole e il mercato.

 

Ci sono due strade. Qui ne descriviamo una in cui si inserisce un documento tipo questo nel contratto e nel manuale di uso e manutenzione controfirmato dal cliente. Ricordiamo che questo può aiutare tantissimo in caso di piccoli incidenti, ma se capita il morto non vi salva di sicuro. Forse peggiora le cose. Dovete valutare voi caso per caso il rischio da correre.

 

Da dove nasce questa differenza?

Sicuramente voi vendete altre macchine simili con lo stesso rischio e magari avete inserito protezioni diverse a seconda del periodo, dei clienti eccetera… Se scappa un morto è probabile che il perito del tribunale faccia il giro delle macchine assimilabili e veda un diverso comportamento nel valutare la stessa cosa.

 

Ecco un esempio di cosa potreste scrivere:

Tra Costruttore e Utilizzatore si conviene quanto segue:

 

il rischio residuo nella zona avvolgitore, cui è soggetto l’operatore durante le fasi di

  • lavorazione,
  • impigliamento
  • incorsamento
  • manutenzione

 

è stato considerato rischio medio in considerazione della valutazione del rischio proposta dall’utilizzatore, che viene sotto riportata e di cui si fa carico, mediante l’applicazione della norma armonizzata EN 12100:2010, sia per la fig. 1 vedere step 3 -ultimo passaggio- e fig. 2.

 

Il cliente in qualità di utilizzatore propone la soluzione sotto riportata e si fa carico esplicitamente della gestione del rischio residuo.

 

 

Winder Safety

  • If the light beam is broken at any time the Line Speed and Winder speed are limited to 15 M/Min – the tension could also be limited to 150 Newtons
  • This interlock is “overridden” for operational purposes by the addition of a “dead man’s push button”
  • The override is a two man job, the person outside of the “zone” operating the button takes responsibility for the safety of the man inside the zone
  • If the dead man’s push button is activated then it is possible to enter the zone to perform operational duties such as checking rolls for winding quality/tension, alignment of new cores, taping of new cores etc.
  • A man outside the zone has to hold the push button active while his colleague enters the zone to perform operational duties – if the dead man’s switch is activated and the light beam is broken nothing happens to the machine – speed and tension remain the same
  • If the man outside the zone holding the dead man’s push button releases the push button then the machine stops immediately – like an emergency stop condition.
  • NOTE – it should be checked if it is possible for the man in the zone to be in such a position next to the winding shaft and “past” the light beam such that the light beam is not broken – if so then this procedure does not work – it would be better with a safety mat.
  • A light beam across the Nip Point between the winding drum and the wound roll would provide additional safety.
  • The position of the dead man’s push button should be such that the man operating the push button can see the man in the zone at all times

 

PS: Fammi sapere cosa ne pensi dell’articolo.
Lasciami un tuo commento sotto al blog
quando hai finito di leggerlo per farmi sapere
se ti e’ piaciuto.

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *