Dispositivo preciso da indicare: cosa è richiesto in un DVR aziendale? ( occhio: quando quello dell’ASL è davvero “talebano”!)

Infortunio: viene chiamato in causa l’RSPP: per non aver indicato precisamente la soluzione tecnica da adottare.

Cosa ne penso. Il DVR è valido se raggiunge lo scopo di poter disporre di un quadro completo della situazione, con la possibilità di sviluppare un piano di adeguamento-miglioramento che consenta al datore di lavoro di proteggere i lavoratori che prestano opera alle sue dipendenze.

Contiene quindi “indicazioni” sulle misure da prendere, non soluzioni tecniche precise che si devono ricavare di volta in volta in funzione della situazione e  del tipo di rischio.

Non esiste una sola soluzione possibile: vi sono scelte da fare.

Se il Vizio rilevato è Palese è necessario rivolgersi al Costruttore, per competenza e responsabilità, e in nessun DVR potrà essere prevista la misura di protezione specifica che il costruttore dovrà realizzare.

Quindi è improprio quanto indicato dall’UPG nel procedimento che sto seguendo, in merito all’obbligo per l’RSPP di individuare esattamente il tipo di protezione idoneo allo scopo.

Imparare sui macchinari è dura: anche l’UPG della ASL si inceppa, cita Norme a sproposito. Come ci si difende? Anzi come si attacca e si vince? Essendo semplici, realisti, banali (MA NON SUPERFICIALI).

Ci confrontiamo sul Gruppo Linkedin Macchinario SICURO: iscriviti. Per i casini di tutti i giorni nessuno è Professore.

Mettici le tue domande! non serve che siano questioni difficili, tutto va bene per tutti.

Ad esempio se alla fine di una linea aggiungo un dislocatore automatico, per separare prodotti diversi: devo marcare CE? posso? devo? o chi lo deve fare?

 

ing. Renato Delaini

Commenta:

commenti