Macchinario Sicuro – Sicurezza dei Macchinari

Il titolo del libro che tu e tuo padre avete scritto è “Errore Umano”. A cosa si riferisce questo titolo?

Il titolo è strettamente connesso a quello che è il nostro lavoro. Il nostro lavoro è quello di aiutare tutti quegli imprenditori che costruiscono macchinari industriali che sono finiti nei guai. I loro problemi possono derivare da diverse fonti come:

  • Contestazioni;
  • Mancati pagamenti;
  • Incidenti.

L’elemento comune in quasi tutti i casi da noi affrontati è sempre l’errore umano. Non c’è mai una truffa, per capirci meglio. La causa dell’errore è sempre l’aver lavorato trascurando alcune cose o mostrandosi superficiali su delle altre.

Nel libro son contenute le storie e i racconti delle nostre esperienze. A differenza degli altri libri, in questo non son contenute le classiche spiegazioni delle norme regolanti il settore. In genere i libri del settore ti parlano sempre di come funziona la direttiva macchine, il testo unico 81, ti parlano dell’interpretazione delle varie norme tecniche e via dicendo.

Leggendo tutti questi libri, il rischio è che ti possa mancare, quando vai in fabbrica, quello step fondamentale per non avere brutte sorprese passando dalla teoria alla pratica. Rischi che ti manchi quel passaggio che ti permette di vedere un avvolgitore e allo stesso tempo sapere dove guardare.

Questo perché spesso quel macchinario è molto distante dalla norma imperativa e tu devi convincere alla persona che serve. Questo passaggio, questo elemento è un qualcosa che non c’era ancora sul mercato e per questo abbiamo deciso di scrivere un libro proprio su questo.

L’intento è quello di tradurre e rendere comprensibili tutte quelle norme tecniche che troppo spesso vengono trascurate e trattate con superficialità, attraverso il racconto dell’esperienza di vita e professionale fatta negli ultimi 20 anni. Nel libro poniamo l’accento su come una documentazione curata e fatta bene, possa essere un’arma eccezionale per tirarsi fuori dai casini.

Oltre a questo, al suo interno, vengono messi in evidenza anche tutti gli errori più tipici. Passare la sicurezza attraverso il plc è un errore tipico, che non si sa per quale motivo si continua a commettere. Le norme non le abbiamo volutamente inserite nel libro perché che senso avrebbe parlarne quando chiunque ormai, grazie ad internet, con un click può tranquillamente aver accesso a tutte le varie fonti legislative del caso?

La spiegazione delle norme viene fatta mediante la descrizione di casi concreti. Questo crediamo possa essere un elemento che consenta di superare più facilmente il salto che c’è dalla teoria alla pratica.

L’intento è quello di stimolare delle riflessioni più profonde negli imprenditori. “Cavolo se è capitato a lui può capitare anche a me”, questa è la reazione che con il nostro libro voglio scatenare nei confronti dei miei lettori.

Il CE, sta diventando solo un atto amministrativo da mandare al cliente per evitare che questo ti blocchi il pagamento. Tuttavia, in questo modo, si perde il significato vero del CE. Il CE è quella certificazione con cui dichiari che quel macchinario è sicuro rispetto agli standard imposti dalle norme europee. Il CE però è anche quel documento che, in caso d’incidente, dimostra che tu ti sei comportato bene. È la tua assicurazione insomma.

Se disponi di un fascicolo tecnico fatto bene, chiaro e che parli praticamente per te da solo ad un avvocato o a un pm, è possibile che il tuo caso venga archiviato subito perché il nesso causale non esiste. Non sarebbe quindi dimostrabile alcuna responsabilità da parte tua se le carte e le documentazioni son fatte bene.

Al contrario, tutte queste cose vengono di solito trascurate. Dato che ci siamo stancati di vedere lavorare molte imprese con questo senso di superficialità, abbiam scritto questo libro con l’obiettivo di far lavorare meglio le imprese italiane. Vogliamo essere d’ispirazione per gli imprenditori. Il libro è acquistabile facilmente su Amazon.

Alla prossima, Ing. Claudio Delaini e Ing. Diego Perfettibile.

 

 

 

Commenta:

commenti