Certificazione CE: quando Chiamo un Ente e quando Chiamo una Consulenza? e Perchè ?

La differenza di Ruolo tra il Consulente e l’Ente Notificato –  prendiamo ad esempio due TUV

Il consulente, quando prende il lavoro deve rendersi conto e far rendere conto il cliente della situazione e aiutarlo a raggiungere l’obiettivo. Spesso il rispetto della direttiva macchine, della Atex e così via sono obiettivi difficili da raggiungere che non si possono fare con una bacchetta magica.
Lo si aiuta con consigli anche progressivi, sulla base di test – prove – sulla base delle situazioni discusse di volta in volta, sulla base delle esigenze che emergono  (come si girasse un film).

L’Ispettore dell’Ente notificato invece DEVE verificare la situazione che trova, così come la trova, e dichiarare se si rispetta in quel momento la norma oppure no (come una foto).

Con il consulente si discute e si trova una soluzione, anche nel tempo.
Con l’ispettore non è possibile, lui non può dare consigli, deve verificare e basta. Altrimenti cambia ruolo e diventa consulente anche lui.

Sono due ruoli diversi, molto diversi.

VEDIAMO PERCHÈ.

Conflitto di interessi dell’Ente Notificato

Il conflitto di interessi è un problema reale per gli enti notificati e i consulenti. Se andate a vedere sui siti dei tanti TUV presenti in Italia noterete che ne parlano quasi tutti.
Prendiamo ad esempio TUV THURINGEN e TUV ITALIA.
Entrambi affrontano in modo corretto questo problema.

Il TUV thuringen lo specifica bene sul proprio sito con queste due frasi:

Il personale amministrativo, operativo ed ispettivo di TÜV Thüringen e.V. e di TÜV Thüringen Italia è indipendente, nell’esercizio delle sue funzioni ufficiali. Nessun dipendente o collaboratore può partecipare all’esecuzione di prove, test, ispezioni in presenza di conflitto di interessi.

Gli organismi di certificazione e di verifica non eseguono attività di sviluppo e di consulenza.

Il TUV Italia ne parla in questo modo:
Le attività di TÜV Italia inoltre sono soggette al controllo da parte del Comitato per la Salvaguardia dell’Imparzialità  e dell’Organismo di Vigilanza.

Ma perché nasce questo problema? 
E’ molto semplice, è difficile essere obiettivi quando si controlli un macchinario su cui hai fatto consulenza.

Noi consulenti al contrario siamo nati per dare consigli e trovare soluzioni a problemi reali, non per controllare il puro rispetto delle regole in quel preciso istante.

INOLTRE:

Conflitto di interesse del Consulente
Il consulente che lavora solo con un ente, molto probabilmente riceve molto lavoro dallo stesso ente.

Quali interessi difende di più, quelli del cliente o quelli dell’ente?

Il conflitto tra consulente ed Ente fa funzionare bene il mercato.
L’ente e il consulente sono in conflitto perché difendono interessi diversi, il consulente difende a spada tratta gli interessi del cliente, l’ente notificato quello della collettività.
I macchinari in allegato IV che circolano in Europa devono essere sicuri! Non ci devono essere dubbi in proposito.
Per questo motivo noi conosciamo e lavoriamo da anni con molti enti, ma non ci sposiamo con nessuno.
Noi consigliamo l’ente che risponde meglio alle esigenze del nostro cliente, non quello che ci porta lavoro.

Per fortuna il mercato è libero e ognuno si comporta come vuole, noi preferiamo così.

Scegli bene.

Commenta:

commenti