Avvolgitori – SINTESI DELLA NUOVA EN 13418:2013

avvvolgitore

SINTESI DELLA EN 13418:2013

Si ritiene indispensabile introdurre una breve sintesi della nuova norma, almeno per la parte concernente in particolare questo tipo di macchina.

Innanzitutto bisogna sottolineare che contiene una Tavola (table 4, composta di 10 pagine) in cui si espongono i metodi di verifica: ispezione visiva sulla validità del sistema; uso di strumenti di misura per tensioni, temperature, dimensioni e così via; test funzionali sul sistema di scurezze; esame cartaceo dei circuiti e degli schemi; calcoli dei PL, delle distanze di sicurezza.

Cosa che può essere fatta in fase di collaudo, prima della consegna della macchina.

Per la valutazione dei rischi propone due tavole (table 1 e 2) in cui si elencano i possibili pericoli di tipo meccanico e di altro tipo, collegati con riferimenti alla Tavola (table 3, composta di 18 pagine) in cui sono definiti i requisiti di sicurezza e le misure di protezione da adottare nel modo di funzionamento normale. Questa lunghissima tavola analizza tutte le parti e le zone pericolose della macchina e definisce i requisiti per ogni situazione della possibile soluzione da adottare tra: protezione fissa, protezione interbloccata, dispositivo di protezione (SPE, Hold-to-run, ecc) e possibili combinazioni che garantiscono un adeguato livello di sicurezza.

L’applicazione di questa norma garantisce la presunzione di conformità, ma la sua applicazione richiede una revisione di tutta la progettazione della macchina.

Significa elencare in modo completo tutte le zone di pericolo attuali (sostanzialmente rulli e lame), dando per scontato quanto riguarda la EN 60204 (equipaggiamento elettrico).

Per ogni zona/componente valutare la rispondenza ai requisiti  (distanze, operazioni da eseguire, accessibilità, uso scorretto) e modificare opportunamente la progettazione.

Commenta:

commenti