Gestione Rischio Residuo – Un caso tra tanti di lavorazione Pericolosa su un Macchinario

Oggi parliamo di un problema diffusissimo nell’ambiente industriale, e lo faccio subito con un esempio.

In contesti di lavorazione su macchinari pericolosi, in cui magari l’operaio deve:

  • Avvicinare la mano alla cucitrice per cucire;
  • Mettere la mano sull’avvolgitore per porre la bandierina dove si formano le grinze;

e quindi, in tutti i casi in cui permane un rischio, non può essere segnalato un rischio verde. Il macchinario non può diventare perfettamente conforme in maniera automatica.

Se non c’è rischio di morte o di amputazione degli arti, si definisce il caso un rischio “giallo”.

Quindi cosa devi fare?

Devi effettuare una valutazione del rischio residuo, cioè quella procedura in cui si dichiara che quella determinata procedura/ lavorazione è pericolosa e non può essere effettuata da chiunque.

Non la può fare il lavoratore interinale o il lavoratore appena assunto da una cooperativa. Quella lavorazione possono eseguirla sono operai che sono stati appositamente formati, che seguono anche un retraining periodico e che sanno quindi quello che fanno.

Non si tratta quindi di persone a caso, ma di lavoratori formati professionalmente per fare quelle operazioni pericolose.

E tutto ciò ovviamente deve essere formalizzato.

Se non sai da dove incominciare, contattaci, siamo qui per questo.

Nel frattempo non perderti il video:

Ing. Claudio Delaini e Renato Delaini.

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *