Certificazione CE: Come inserire una Macchina in una linea di produzione

Direttiva Macchine e 8108

Se sei un costruttore di macchinari industriali questo articolo si rivolge a te.

Grazie alla nostra vasta esperienza ultra decennale nel campo, negli anni ho imparato che possono verificarsi due situazioni distinte quando un costruttore vende un nuovo macchinario certificato CE, perfettamente in linea con le relative direttive europee previste:

  1. Il macchinario acquistato può essere inserito all’interno di una linea vecchia;
  2. Il macchinario può essere inserito all’interno di una linea nuova, già perfettamente a posto.

Se il nuovo macchinario viene inserito all’interno di una linea vecchia, non marcata CE, è palesemente necessario porre in sicurezza tutti gli altri macchinari componenti la linea. Che senso ha avere un macchinario nuovo, perfettamente sicuro, se viene poi inserito all’interno di un contesto non sicuro?

Questo, per te fabbricante, non è un dettaglio trascurabile. Lo sai che devi fare in modo che sia ben chiaro all’utilizzatore che la macchina, se inserita all’interno di una linea vecchia, mantenga le proprie individualità per essere sicura? Oppure devi verificare che sia possibile l’opportunità di integrare i sistemi di comando, per poi fare una valutazione del rischio complessiva in modo da poter in fine marcare CE tutta la linea.

L’inserimento della macchina in una linea recente, con non più di 10/15 anni di attività, occorre valutare che l’inserimento di questa macchina marcata CE non vada ad alterare la marcatura dell’intera linea d’attività, dell’insieme.

Questa non è un’evenienza rara, anzi sicuramente succede. Chi ha fatto la marcatura dell’intera linea, non può certo garantire che con l’aggiunta di un nuovo macchinario la valutazione del rischio complessivo sia la stessa.

Non dimenticare quindi che è sempre necessario rivedere la marcatura dell’insieme se vengono aggiunti dei macchinari a una linea di produzione.

Se pensi di aver bisogno di un aiuto professionale quindi, non esitare a contattarci.

Alla prossima, Ing. Claudio Delaini e Ing. Renato Delaini.

Guarda il video!

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *