Mettere Le Mani Sul Macchinario In Uso

Ciao,

con questa lettera ti invitiamo a parlare di modifiche alle macchine in uso – usate: poiché inevitabilmente bisogna metterci le mani, per tanti motivi.

Infatti:

Prima di investire in nuovi macchinari, si pensa a quanto già in uso o recuperato usato:

  • per revisione e rimessa in efficienza
  • per adeguamento alle normative
  • per revamping o retrofitting

Un intervento che può essere fatto

  • dall’utilizzatore, per far vivere la macchina più a lungo, senza grossi investimenti, o per adeguarla le normative del TU81/08;
  • può essere fatto dal costruttore, su richiesta dell’utilizzatore;
  • può essere fatto dal costruttore, che ha ritirato per sostituzione ad esempio, e vuole rivendere l’usato

Qui nascono i problemi: bisogna procedere a una nuova marcatura CE ? o dichiarare soddisfatto l’All. V del TU 81/08?

Situazione numero uno:

capita che l’impresa che realizza l’intervento, su incarico dell’utilizzatore, non sappia come mettersi a posto con le carte o che, peggio, non sa che norme applicare per consegnare una macchina regolare come vuole il committente

le chiedono i RES – e come si fa? … oppure gli ingegneri del posto affermano cose diverse con grande sicurezza… non si sa a chi rivolgersi.

Situazione numero due:

capita che il costruttore, che ritira e adegua la macchina per rivenderla usata e garantita, non sappia cosa fare per mettersi a posto con le norme e con le carte (perizia ogni volta, o marcatura CE autodichiarazione?)

Difficile orientarsi con sicurezza:

ci sono troppe norme e troppi adempimenti burocratici, ci si perde in un labirinto in cui non ci si sa muovere

—ci sono macchine che hanno norme specifiche da applicare, altre che invece bisogna arrangiarsi con altre generiche

—ci sono macchine che richiedono l’intervento obbligato dell’ente notificato

—ci sono macchine che richiedono la messa in servizio con INAIL, e verifiche periodiche

in quale caso ti trovi? Si può chiamare il TUV per esempio per proteggersi meglio, oltre alla DEDO?

la DEDO può certificare direttamente?

Vale di più o di meno di una perizia per All. V??

Quando poi la norma esiste, vi sono ampi margini di incertezza, di soggettività, e si vive nell’incertezza (ad esempio la 13849, la 14119… come realizzare un vero e proprio dispositivo antileusione?

ci vorrebbero criteri più certi, restrittivi… dice qualcuno. Altri invece dimostrano che più si restringono i margini meno resta applicabile la norma ai casi reali, che sono infiniti. le macchine messe in commercio, classificate per tipo e modello, dovrebbero essere tutte uguali. In realtà vengono continuamente adattate alle esigenze del cliente, e cambiano troppi particolari.

alla fine il rischio è quello di non prendere i soldi, per contestazioni e reclami. Oppure di doversi difendere da verbali ASL e da richiesta conseguente di danni/interventi riparatori

una macchina installata e di cui non accettano il collaudo, le carte, le misure di sicurezza… la banca non concede il leasing…come si fa a recuperare? da chi andare per dirimere la questione?

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *