Importare un Macchinario ExtraUE rispettando la Direttiva Macchine

A cosa devi stare attento quando importi macchinari da paesi non compresi nell’Unione Europea?

Mi riferisco a macchinari cinesi, americani e via dicendo. Per ognuno di questi macchinari è necessario verificare che siano conformi alla direttiva macchine e che siano sicuri per gli operai che andranno ad utilizzarla.

È compito del direttore di stabilimento garantire che nessuno si faccia male.

A tal proposito è necessario che tu, direttore di stabilimento, ti faccia mandare tutta la documentazione grazie alla quale il fornitore, cioè il costruttore della macchina o l’importatore, ti dimostri che la macchina sia conforme alla direttiva macchine e a tutti i suoi relativi requisiti.

Per sapere quali sono tutti i requisiti essenziali di sicurezza da rispettare, è sufficiente prendere il verbale di collaudo, cioè un’enorme tabella dove sono elencati tutti i requisiti di sicurezza di base, e verificare punto per punto che la macchina sia conforme ad ognuno di essi.

Puoi anche decidere di importare la macchina e adeguarla agli standard europei sul suolo italiano. In quel caso, ti consiglio di contattarci perché ci occuperemo di assicurare alla dogana e alle varie torri di controllo che hai intenzione di mettere a posto il macchinario importato, mettendolo solo a posteriori in servizio.

Alla prossima, Ing. Renato Delaini e Ing. Claudio Delaini.

Guarda il video!

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *