Responsabilità Preposto sulla Rimozione delle Protezioni con Avv. Zaniolo

Oggi siamo insieme all’avvocato Daniele Zaniolo per parlare della Responsabilità Preposto sulla Rimozione delle Protezioni.

Capita molte volte all’interno di una azienda di trovare situazioni particolari.
Fare un favore, chiudere un’occhio o semplicemente non “denunciare” alla figura di riferimento una macchina manomessa è una pratica diffusa. Ma il preposto se vede qualcuno rimuovere una protezione da un macchinario, e non avverte nessuno o peggio non comunica l’avvenimento al datore di lavoro, è co-responsabile in qualche modo?

Come puoi immaginare la risposta è affermativa.

Come regolamentato dal testo unico sulla sicurezza e igiene del luogo di lavoro, uno dei doveri del preposto è quello di verificare che i dipendenti usino i dispositivi previsti per tutelare la loro sicurezza. Inoltre, devono controllare che tutti i macchinari abbiano le protezioni necessarie e che quindi non siano stati rimossi carter o simili.

Non è raro trovare preposti coinvolti in processi come imputati per omicidio colposo o nel caso di infortuni meno gravi per lesioni colpose. A Daniele ad esempio è capitato di assistere ad un processo dove il preposto è stato imputato per lesioni colpose per non aver avvisato il datore di lavoro della rimozione delle protezioni su una pressa.

In questo caso particolare oltre al preposto però anche il datore di lavoro è stato imputato, creando una situazione molto pesante.

 

Commenta:

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *