Manomissione Dispositivi Di Sicurezza E Modifica Delle Protezioni

arrotolatore

MANOMISSIONE DISPOSITIVI DI SICUREZZA E MODIFICA DELLE PROTEZIONI

Certi tipi di guaio si ripetono spesso. Ma ogni singola azienda ritiene invece che quel guaio non capiti mai, e si afferma con tranquillità che “non è mai successo”, “basta un minimo di attenzione”, “sicurezza sì, ma nel logico”.

La nostra esperienza, ormai decennale e più, ci ha insegnato a ragionare in modo diverso:

non pensiamo rigidamente a cosa dice la norma,

per applicarla e basta;

ma ragioniamo su cosa protegge di più il fabbricante.”

Questa premessa, senza un esempio, non serve a niente: ma proprio gli esempi non ci mancano.

Ecco la storia di un infortunio grave in una fabbrica di lavorazione di materie plastiche. Il titolare è davvero attento a quel che mette in mano ai suoi operatori, i suoi macchinari sono piuttosto aggiornati.

Uno di questi è dedicato all’avvolgimento dei fogli di “plastica”: certo l’avvolgitore è stato progettato e realizzato secondo la EN 13418. E sul trascinatore, che alimenta l’avvolgitore con due rulli, convergenti, è stato messo un paradita a proteggere l’operatore.

 

Sarebbe meglio dire che “era stato messo” un paradita e una corda “di emergenza”. Un solerte capoturno, preoccupato del fatto che quella barra si impastava sempre di polveri e magari di plastificanti, lo ha tolto. Come la corda.

Una mattina però un operatore è rimasto incastrato tra i rulli, gia’ privo di vita (schiacciamento emitorace sn).

 

Per fortuna, o per scaltrezza, il fabbricante ci aveva interpellati, e aveva messo da parte disegni e foto di questa parte più pericolosa del macchinario: la nostra relazione tecnica lo ha fatto uscire immediatamente dalle indagini. Non ha speso una lira di avvocati, come non avevav speso una lira in più di carte e libretti durante la progettazione.

Solo ha seguito il nostro principio:

non pensare rigidamente a cosa dice la norma,

per applicarla e basta;

ma ragionare su cosa ti protegge di più”

 

Quindi, se pensi che qualcosa del genere ti possa capitare, chiamami!

Chiama l’Ing. Delaini, anche al cellulare, con lui una strada la trovi facilemnte, per meglio proteggerti senza spese extra, troppa carta e troppa confusione sulle normative.

Commenta:

commenti