Quali criteri deve rispettare un buon guanto antitaglio?

Ci siamo fatti aiutare da un esperto, Marco Calandra, che vende guanti per professione.

Mi sono affidato a Marco perché mi sono ritrovato nella situazione di lavorare a contatto con delle lame e di non sapere scegliere dei guanti con le migliori caratteristiche.

Marco mi ha spiegato che i parametri e le caratteristiche da osservare sono tutte riportate nel pittogramma.

Nel pittogramma, il secondo numero a partire da destra, indica proprio la resistenza del guanto ai tagli.

Ti faccio un esempio:

se il numero è 5 significa che il guanto ha la massima capacità di proteggerti dai tagli, è il top di gamma.

Se il numero invece è 3 significa che la capacità del guanto di dare protezione è intermedia, non è quindi estremamente performante, ma è un buon guanto.

E la scelta chiaramente dipende sempre da che lavoro devi svolgere.

Inoltre, la Certificazione CE deve essere obbligatoriamente visibile sul guanto, stampata al suo esterno, nel pittogramma.

E in allegato ad ogni paio di guanti deve essere fornita la scheda di conformità cartacea.

In conclusione, prima di comprare un guanto antitaglio, assicurati che abbia questi elementi.

È il minimo indispensabile per la tua sicurezza, e quella dei tuoi lavoratori. Non credi?

Alla prossima, Ing. Claudio Delaini e Marco Calandra – esperto DPI

 

Guarda il video:

Commenta:

commenti